Benvenuti nel West!
Corsa all'oro - Ognuno per se !

Corsa all'oro - Ognuno per se !

lettura - parole

Oggetto di tutti i fantasmi degli avventurieri del 19e secolo poi dei cineasti americani che non si annoiavano mai di utilizzarla come sfondo dei loro westerns, la  Rotta per l’oro in California (« Gold Rush ») fu uno degli eventi fondatori degli Stati-Uniti. Ripercorriamo su questo periodo che fece rinascere l’American Dream.

corsa all'oro

 

GLI INIZI DELLA ROTTA PER L’ORO NEGLI STATI-UNITI

Contrariamente a quello che si potrebbe immaginare, la Rotta per l’oro negli Stati-Uniti non ha inizio in California. E’ nel 1799 nello Stato della Carolina del Nord, sulla costa Est, che avviene  il primo « Gold Rush », successivamente alla scoperta di una pepita d’oro di circa 8 kg da parte di un giovane ragazzo nella fattoria dei suoi genitori.

Poi é lo Stato della Georgia, nel Sud-Est del paese, che vede sbarcare migliaia di uomini spinti dalla speranza di trovare oro e fare fortuna, dato che il prezioso metallo era stato ritrovato in grandi quantità nelle  Montagne del Nord Georgia nel 1829. E’ il primo grande movimento di cercatori d’oro, che durerà oltre quindici anni e porterà all’emigrazione di un gran numero di Cherokees, i quali popoleranno la regione.

OROLOGIO DA TASCHINO

Orologio da Taschino 

Ma se nell’incoscienza collettiva, il termine « Rotta verso l’oro » viene spesso associato alla California e più globalmente alla conquista del West, é perché la « California Gold Rush » fu, senza ombra di dubbio, la Rotta per l’oro la più marcante degli Stati-Uniti e la prima di portata mondiale. Questo periodo, che ha una durata di circa otto anni, ha non solo ampiamente contribuito allo  sviluppo del West americano, ma ha anche forgiato la storia degli Stati-Uniti e ha dato un nuovo senso al concetto con il quale la Nazione è stata battezzata : il sacro-santo Sogno Americano.

LA CONQUISTA DELL’OVEST E LA ROTTA PER L’ORO

Il contesto della Rotta per l’oro in California

La Rotta per l’oro in California si situa in un contesto storico ben preciso : la conquista dell’Ovest é al suo massimo quando il governo americano e numerosi Europei intendono colonizzare il gigantesco territorio, appena scoperto, che si estende tra il fiume Mississippi e l’oceano Pacifico, al tempo essenzialmente occupato da tribù indoamericane. Migliaia di pionieri attraversano le immense piane dell’America, desiderosi di appropriarsi delle risorse e ricchezze del territorio.

All’inizio del 19e secolo, la California non é ancora uno Stato : fino al 1791, soltanto le tredici colonie americane situate sulla costa Est beneficiano di questo status dopo che gli Stati-Uniti hanno ottenuto la loro indipendenza. Anno dopo anno, quando il territorio americano è poco a poco esplorato, gli altri stati sono creati e assorbiti dal governo americano. Bisognerà attendere il 1850 affinché sia il caso della California, che diventerà il 31e stato americano.

Scoperta delle pepite d’oro a Coloma

Il 22 gennaio 1848,  oro puro viene scoperto sulle rive del l’American River a Coloma, al nord della capitale californiana Sacramento, da un certo James Marshall, carpentiere che lavora per conto dello Svizzero John Sutter. Il valore incomparabile di questo metallo é allora già ben nota, e Sutter si preoccupa delle  conseguenze di questa scoperta sui terreni sui quali basa il suo sfruttamento agricolo.

Il luogo dove fu scoperto l’oro nel 1848

Ma la novità non rimane segreta a lungo e, già i  cercatori d’oro  sbarcano da tutti gli Stati-Uniti, e a partire dal 1849, d’Europa, Cina, America del Sud e anche Australia, al fine di conquistare la loro parte di bottino. Questi ultimi vengono chiamati forty-niners. Mentre i pionieri americani attraversano il territorio per via terrestre, i forty-niners arrivano in massa via nave attraverso Cap Horn, in America del Sud.

Indipendentemente dal mezzo di trasporto, è un viaggio lungo, difficile e talvolta fatale che attende gli avventurieri alla ricerca dell’oro. Una volta sul posto, é sufficiente delimitare un terreno con dei picchetti per segnalarne la proprietà, poi approfittarne. L’avidità del guadagno rimane il valore più forte, ed i regolamenti di conti sono moneta corrente nella violenza che diventa parte del quotidiano.

Crescita demografica e prosperita economica

Una volta estratto, l’oro viene prima scambiato con il cibo e gli oggetti di prima necessità. Ma la gran parte della merce lascia la California in nave ed é  venduta o scambiata nel mondo intero.

Grazie a questo business estremamente lucrativo, la crescita demografica della California esplode letteralmente : prima del 1848 contava circa 2 000 residenti (eccetto le tribu degli indiani d’America). Cinque anni più tardi, la popolazione della California si eleva a 300 000. Si tratta della  più importante immigrazione di massa della storia degli Stati-Uniti.

Lo Stato prospera e vede il numero di negozi, ristoranti, ranches triplicare. I villaggi spuntano come funghi, in particolare San Francisco. Precedentemente minuscola impiantazione di pionieri, le sue strade debordano ormai di abitanti ed il suo porto di barche. L’agricoltura si sviluppa, il tutto come le ferrovie. E’ qui che inizia anche il sogno californiano. Oggi ancora, l’immagine della California é quella di un luogo dove tutto é possibile, un eldorado dove fare fortuna é possibile.

Un fenomeno che si spegne

I terreni che contengono oro diventanto sempre più di difficile accesso e, nel 1850, sono soprattutto grosse aziende che li sfruttano. Gli Americani provano a cacciare gli stranieri per mantenere il possesso sul poco oro rimasto e, divenuta uno Stato, la California emette una legislazione che impone ai minatori stranieri una tassa mensile. Quando il fenomeno della Rotta per l’oro si esaurisce, alcune città minerarie sono completamente deserte e divengono città fantasma.

la  Rotta per l’oro in California

La Rotta per l’oro in California non ha avuto solo conseguenze positive. I trattamenti riservati alle popolazioni degli indiani d’America furono, ad esempio, disastrosi. Massacrati, malattie, carestie, spostamenti della popolazione che privarono le tribu autoctone delle loro zone di caccia e pesca abituali, ecc. I pionieri, colpiti dalla febbre dell’oro, erano principalmente interessati al profitto piuttosto che per i loro simili, e i comportamenti che ne seguirono determinarono un declino drammatico delle popolazioni degli Indiani d’America.

 

QUALI LUOGHI VISITARE PER RIVIVERE LA CORSA ALL'ORO?

Ci sono ancora alcune tracce di questa epoca d'oro che trasformò profondamente gli Stati Uniti, nella regione conosciuta come Gold Country. Potete fare un giro e visitare i seguenti luoghi di interesse:

- Marshall Gold Discovery State Historic Park a Coloma. Fu qui, sulle rive del fiume americano, che fu scoperto l'oro puro nel 1848. Come i quaranta minatori, i visitatori possono anche cercare l'oro nel fiume, anche se le possibilità di trovarne oggi sono, diciamolo, zero!

- Empire Mine State Historic Park, 40 miglia a nord di Coloma. Questa miniera, aperta nel 1850, è una delle più grandi e antiche degli Stati Uniti. Si può fare una visita guidata. C'è anche un centro visitatori sul posto, che racconta la storia della corsa all'oro.

- Placerville, una delle più importanti città minerarie della regione e forse il luogo con più musei e siti legati alla corsa all'oro oggi. Si può visitare la Gold Bug Mine, una vecchia miniera, e l'Hattie Museum and Interpretive Center, che offre mostre sull'argomento. La Società Storica della Contea di El Dorado ha due musei anch'essi dedicati alla Corsa all'Oro: il Museo Fountain and Tallman e il Museo della Società Storica della Contea di El Dorado.

- Prendete la Highway 49 da Coloma a Placerville e attraversate una parte della strada storicamente usata dai pionieri e dai quarantenni.

- California Mining and Mineral Museum, a Mariposa. Il museo guarda indietro agli eventi del 1848 e, più in generale, all'attività mineraria in California.

- Sonora, Jamestown e Columbia sono tre città che fiorirono durante la corsa all'oro e si trovano a 10 miglia l'una dall'altra. Columbia è stata particolarmente ben conservata: il Columbia State Historic Park, un museo all'aperto, comprende quasi 30 edifici della corsa all'oro.

- Il Malakoff Diggins State Historic Park, non lontano da Nevada City e 60 miglia a nord di Coloma, protegge la più grande miniera idraulica degli Stati Uniti, fondata nel 1953.

- Per completare il vostro tour della corsa all'oro in California, la lista delle città fantasma è lunga quanto il vostro braccio! Un po' di immaginazione e vi troverete immersi in questo periodo che ha alimentato le fantasie degli avventurieri per oltre un secolo e mezzo.

Vi invitiamo a visitare il sito Farwest.it per scoprire altre storie western!

 cowboy

La città miniera di Placerville


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

Newsletter

    Iscriviti per ricevere i nostri articoli direttamente nella tua casella di posta elettronica.