Benvenuti nel West!
Toro Seduto (1831- 1890) Una leggenda indiana

Toro Seduto (1831- 1890) Una leggenda indiana

lettura - parole

Toro Seduto (Tatanka Iyotake, che significa letteralmente "bufalo seduto" in Lakota) era un capo Sioux di una tribù chiamata Hunkpapa Lakota (nato nel 1831; morto il 15 dicembre 1890 nella Standing Rock Reservation, South Dakota). Sitting Bull (Toro Seduto in inglese) ha guidato la resistenza dei Dakota (Sioux) all'incursione americana nel loro territorio tradizionale. Dopo la più famosa battaglia di Little Big Horn, in cui le forze del generale George Custer furono completamente spazzate via, Toro Seduto lasciò gli Stati Uniti per le Colline dei Cipressi nel Saskatchewan. Toro Seduto simboleggia il conflitto tra i coloni e la cultura aborigena sullo stile di vita, la terra e le risorse.

Sitting Bull


La gioventù di Toro Seduto

In gioventù, Toro Seduto fu addestrato come guerriero e guaritore. Visse in un periodo in cui i modi di vita tradizionali degli aborigeni delle pianure erano sempre più minacciati dall'arrivo dei coloni bianchi. Toro Seduto divenne noto durante la resistenza contro l'espansione americana nel territorio dei Dakota, come loro leader, alla fine degli anni 1860.


La grande guerra dei Sioux nel 1876

Dopo la scoperta dell'oro nelle Black Hills, che ora è il Territorio del Sud Dakota, molti coloni americani e cercatori d'oro invasero i territori Sioux e aggravarono le tensioni tra i Nativi e il governo americano (vedi Territorio Nativo). I territori invasi appartengono legalmente ai Sioux, secondo un trattato del 1868. Eppure i militari si rifiutarono di sfrattare le migliaia di coloni che vedevano il diritto di estrarre l'oro nelle Black Hills come un dono di Dio. Naturalmente, le tribù Sioux e Cheyenne, guidate da Toro Seduto, iniziarono a resistere agli invasori e la guerra ebbe inizio.

Battaglia di Little Bighorn

 

little big orn

Ricostruzione della battaglia del Little Bighorn sulle rive del fiume Little Bighorn tra Crow Agency e Garryowen, Montana.


Il 25 giugno 1876, durante la battaglia di Little Bighorn nell'attuale Montana, le forze di Toro Seduto uccisero il tenente colonnello degli Stati Uniti George Armstrong Custer e i suoi 262 soldati, 209 dei quali erano direttamente sotto il suo comando. Dopo questa battaglia, Toro Seduto cercò di negoziare la pace, temendo la violenza dell'esercito americano, ma le richieste degli americani rimasero le stesse: consegnare le armi e i cavalli e tornare alle riserve. I Sioux rifiutarono questa offerta e molti di loro attraversarono il confine canadese nella zona di Wood Mountain nel Saskatchewan, più tardi parte dei Territori del Nord-Ovest.


Toro Seduto in Canada

James Morrow

Walsh, James Morrow
Come ispettore della North West Mounted Police, trattò equamente con Toro Seduto e i suoi seguaci.


La primavera seguente, nel 1877, Toro Seduto si unì ad un gruppo di 5.000 persone nella zona di Wood Mountain. L'ispettore James Morrow Walsh della North West Mounted Police incontrò Toro Seduto e gli offrì protezione dall'esercito degli Stati Uniti in cambio del rispetto della legge canadese. Tra i due uomini si sviluppò un'amicizia basata sul rispetto e l'ammirazione reciproca. Tuttavia, il governo canadese, temendo che la presenza di Toro Seduto avrebbe scatenato una guerra intertribale e volendo riservare le praterie all'insediamento dei bianchi (vedi Trattati numerati), respinse la sua richiesta di creare una riserva per il suo popolo. Usando la fame come strumento di sottomissione, il governo emette una direttiva secondo la quale gli aborigeni delle praterie possono essere trasferiti in un'altra zona secondo gli interessi del governo. James Walsh convinse Toro Seduto ad arrendersi perché non vedeva alcun futuro per gli aborigeni in Canada.

Le azioni del governo sono state aggravate dalla limitata disponibilità di cibo nella regione. Inoltre, i commercianti e i cacciatori americani appiccarono incendi lungo il confine per impedire ai bufali di migrare verso nord, tagliando fuori la principale fonte di cibo per Toro Seduto e la sua gente. Il governo è rimasto fermo nel suo rifiuto di fornire loro una riserva e del cibo. I Sioux tornarono gradualmente negli Stati Uniti, che promisero loro razioni. Uno degli ultimi a cedere sotto la minaccia della fame fu il vecchio capo, che fu infine insediato nella riserva di Standing Rock nel Nord Dakota nel 1881.

 

stivali-texani

 

Vita e morte nella riserva di Standing Rock

Nel 1885, Toro Seduto andò in tournée per alcuni mesi con il Wild West Show di Buffalo Bill, ma poi tornò nella zona di Standing Rock come leader del suo popolo. Si è opposto risolutamente al rifiuto del governo degli Stati Uniti di concedere le terre tradizionali ai popoli indigeni. Ha incoraggiato i Crows, suoi nemici in passato, a sfidare l'assegnazione delle terre per le riserve del 1886. Nell'ottobre 1888, Toro Seduto andò a Washington come parte della delegazione di Standing Rock. Nonostante la crescente popolarità del movimento Ghost Dance, che prevedeva il ritorno del "bufalo" e l'estinzione dei bianchi, le autorità statunitensi ordinarono l'arresto di Toro Seduto nel dicembre 1890. Nell'eseguire il mandato, gli agenti di polizia della riserva provocarono diversi residenti Sioux e, nel successivo scontro a fuoco, Toro Seduto e 13 dei suoi uomini furono uccisi.

Sitting Bull e Buffalo Bill

Toro Seduto e Buffalo Bill
Montreal, Quebec, 1885, William Notman & Son, sale d'argento su vetro.


Significato
Il capo Sioux era e rimane un'icona della resistenza aborigena in Nord America. La storia di Toro Seduto dimostra chiaramente gli obiettivi del governo del 19° secolo di cacciare i popoli aborigeni, la loro cultura e la loro influenza dalle praterie.

Se ti è piaciuto questo articolo, non esitare a iscriverti alla nostra newsletter per essere informato dei nostri prossimi articoli sulla grande epopea del Far West.

Scopri la storia delle leggende dell'ovest nel nostro articolo: Top 10 Delle Leggende Del Far West

Più su Toro Seduto


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

Newsletter

    Iscriviti per ricevere i nostri articoli direttamente nella tua casella di posta elettronica.